Cara Boschi, faccia un passo indietro

Matteo Renzi e il suo staff, come si sa, hanno deciso di dare una valenza politica al voto referendario con effetti immediati sul governo e con le dimissioni del presidente del Consiglio. È stata la conseguenza di una personalizzazione che molti avevano sconsigliato ma che Renzi ha scelto di condurre fino alla fine nella convinzione che il sí avrebbe prevalso. Non è andata così, e ora la scena cambia con l’incarico a Paolo Gentiloni. Bisogna prenderne atto.

Una cosa perciò deve essere chiara: se si decide che la disfatta referendaria debba essere pagata politicamente poi bisogna farlo fino in fondo, senza eccezioni e senza giochetti da prima repubblica che tanto stanno antipatici a Renzi. Quindi è inopportuna, incomprensibile e in perfetto stile forlaniano l’eventuale decisione che Maria Elena Boschi resti nel nuovo governo. Sia nel ministero delle riforme perché, dopo il referendum, sarebbe, come è evidente, la meno adatta a discutere di riforma elettorale. E sia in qualunque altro ministero perché la sua immagine si è alquanto offuscata e non è nelle migliori condizioni per governare. 

D’altra parte fu la stessa Boschi, che ha messo anima a cuore nella battaglia referendaria usando spesso toni sprezzanti, a dire in sintonia con Renzi che se avesse vinto il no anche lei avrebbe lasciato il governo. Tenga fede a quell’impegno. E Gentiloni eviti di compiere una scelta che non farebbe nascere il governo sotto buoni auspici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...