Il castello dei destini incrinati

Per giorni e giorni i renzisti più renzisti di Renzi ci hanno spiegato, con particolare passione e con foga professorale, che togliere l’Imu anche ai proprietari di case di lusso, ville e castelli era cosa buona e giusta e che chi si incaponiva su quella norma, considerandola iniqua, era il solito gufo che gufeggia contro le magnifiche sorti e progressive del governo. Per giorni e giorni hanno usato ogni argomento pur di sostenere l’insostenibile. Argomenti deboli a dire la verità. Tipo: ma che volete che sia, si tratta solo di un mancato introito di 80 milioni o di 90 o al massimo di 200. Oppure: state lì a parlare di ville e castelli che al massimo saranno 70 mila in tutta Italia. Oppure ancora: togliere l’Imu ai castelli stimola i consumi, come se i proprietari di castelli e ville avessero bisogno di quei due-tre mila euro l’anno per potersi permettere qualche spesuccia. E infine, falsificando la realtà ad usum propagandae: chi critica è la solita sinistra che vuole impedire il taglio delle tasse agli italiani. Argomenti detti e scritti in ogni dove. Senza il minimo dubbio.

Poi all’improvviso Renzi, che ha più fiuto e più intelligenza politica di tanti renzisti, annuncia che ville e castelli pagheranno l’Imu, spiazzando tutti i cantori della norma buona e giusta. Che ora, probabilmente, non faranno autocritica spiegandoci perché hanno detto tante sciocchezze ma diranno che era tutto chiaro sin dall’inizio e che la confusione si è creata per la campagna denigratoria del partito dei gufi. Bontà loro.

Questa storiella dovrebbe far riflettere, non i renzisti che continueranno a fare i renzisti della prima della seconda e dell’ultima ora, ma Renzi medesimo. Il quale dovrebbe capire che per un leader è molto meglio avere un rompiscatole in più che mille adoranti signorsì. Perchè gli adoranti signorsì non lo aiutano a capire se commette un errore (perché anche lui può commettere errori), se una scelta è sbagliata iniqua o inopportuna e va corretta, mentre i rompiscatole saranno pure rompiscatole ma qualche volta ci azzeccano.

Annunci

Un pensiero su “Il castello dei destini incrinati

  1. Pingback: Ma cosa aveva votato il cdm? (No, non è vero che è sempre successo) | Chiara Geloni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...